• Milazzo Baby

Corredino Neonato

Cosa Serve

Meglio body o maglietta? Il biberon conviene comprarlo da ora?

E la culla, quale scegliere?

Ecco una lista ragionata del corredino che serve ad un neonato, meglio fare scelte oculate!

 

I pannolini

Sono la prima cosa di cui il bebè avrà bisogno, dal primo istante in cui torna a casa e per tante volte al giorno, quindi conviene averne una buona scorta sin dall’inizio. Meglio comprare da subito la misura più piccola (2-5 kg), ben sapendo però che dopo un po’ può esser necessario passare alla misura successiva (3-6 kg).

 

L’abbigliamento

 

  • Biancheria intima: magliette o body di cotone, a manica corta o lunga a seconda della stagione; per l’inverno sono ok le magliette cotone dentro e lana fuori, oppure il caldo cotone. Rispetto alle magliette i body sono più comodi perché non si sollevano e non lasciano scoperta la schiena, ma ognuna ha le sue preferenze. Che siano magliette o body, sono da evitare ricami, bottoncini e lacci, per non rischiare le irritazioni cutanee.
  • Tutine di ciniglia, cotone felpato o cotone leggero a seconda della stagione (meglio evitare la lana a contatto diretto con la pelle, perché potrebbe provocare allergie, causate spesso dai trattamenti chimici ai quali è sottoposta): saranno la ‘divisa’ del bebè nei primi giorni, quindi val la pena di averne qualcuna in più.
  • Felpe e golfini: fanno sempre comodo, sia in casa che fuori, per coprirlo quando lo si prende in braccio.
  • Per l’inverno: tuta imbottita da esterno (il cosiddetto eskimo), che lo imbacucca bene dalla testa ai piedi, più berretti e manopole.
  • Calzine in cotone per tutte le stagioni e calzine di lana anallergica più babbucce per l’inverno (i piedini dei bambini sono sempre freddi!)
  • Bavaglini: da comprare in abbondanza, così da sostituirli se scappa un rigurgito. Per quando si va fuori, sono comodi anche quelli usa e getta di carta.

La biancheria

 

  • Lenzuolini per carrozzina, rigorosamente senza ricami, pizzi e nastrini, con coprimaterassino impermeabile, per evitare che una fuoriuscita di pipì bagni il materasso.
  • Lenzuola per lettino ‘lisce’ con coprimaterasso.
  • Copertina piccola: a seconda della stagione, in lana o in cotone leggero, da mettere nella carrozzina e per avvolgere il neonato quando si prende in braccio.
  • Coperta lettino. Può essere in cotone per la mezza stagione, mentre per l’inverno è meglio il piumino con copripiumino, in genere abbinato al paracolpi da mettere intorno alle sbarre del letto.
  • Accappatoio. Quello per neonati è ‘a triangolo’, senza maniche, con il solo cappuccio per avvolgerlo meglio.

 

L'attrezzatura per il neonato

 

  • Carrozzina. Molto comodi i modelli ‘trio’, che incorporano passeggino, navicella e seggiolino omologato per auto. Costano un po’ di più, ma si risparmia sull’acquisto di passeggino e seggiolino.
  • Il lettino o la culla. Vi sono anche lettini trasformabili, che si possono usare anche quando il bambino diventa più grandicello.
  • Seggiolino auto, facendo attenzione a scegliere la misura per neonati. Vi sono anche modelli che si possono utilizzare quando il bebè cresce, poiché hanno adattatori particolari. Meglio farsi consigliare dal rivenditore.

Il beauty case per il bebè

 

  • Bagnoschiuma e shampoo per bambini. Ve ne sono di vari tipi, ma sarebbe preferibile acquistare prodotti poco schiumogeni (le sostanze che fanno schiuma non sono di origine naturale e seccano la pelle) e preferibilmente biologici. Ottimi anche i detergenti in olio, da sciogliere in acqua o massaggiare sulla pelle, che preservano il film idrolipidico della cute.
  • L’idratante per il corpo. La crema o l’olio idratante non son indispensabili, ma possono servire se la pelle appare secca o arrossata o se si vuol fare il massaggio al neonato.
  • La spazzola per capelli ed il pettinino con punte arrotondate.
  • La forbicina stondata per tagliare le unghiette.

 

 

Accessori vari

 

  • Il fasciatoio. Il bebè si può cambiare anche sul letto, ma il fasciatoio si può appoggiare dovunque e non ci obbliga a star piegate con la schiena, quindi è molto più comodo.
  • Il ciuccio, da usare però con parsimonia soprattutto nel primo mese, perché il neonato potrebbe far confusione tra la suzione del capezzolo e del ciuccio e non attaccarsi bene al seno. Da acquistare anche un porta ciuccio ed una spilla per attaccare il ciuccio, per evitare che finisca a terra.
  • Il biberon. A dire il vero non serve se la mamma allatta al seno, perché per i primi sei mesi il latte materno contiene tutto ciò di cui il bebè ha bisogno, compresi i liquidi. Il biberon sarà un acquisto da fare solo se per vari motivi la mamma deve ricorrere al latte artificiale (ed in tal caso servirà anche scaldabiberon e sterilizzatore), ma per il momento meglio augurarsi di non averne bisogno!
  • La vaschetta per il bagnetto, più eventualmente il termometro per misurare la temperatura dell’acqua.
  • Il termometro per bambini: il più preciso e comodo da usare è quello a infrarossi, per controllare la febbre al bebè anche quando dorme senza svegliarlo.
  • Il marsupio, per portare a spasso il neonato e avere le mani libere. È tanto confortante anche per il piccolo, che si sente al calduccio e al sicuro a contatto con la sua mamma.
  • Le salviettine umidificate. Ve ne sono di specifiche per bebè, comode da usare per cambiare il piccolo fuori casa. In casa, invece, è sempre preferibile il lavaggio con l’acqua.
  • Il cuscino da allattamento. È indubbiamente comodo per sostenere meglio la schiena, ma si potrebbe anche utilizzare un normale cuscino. Al limite si prova, se non si sta comode si compra quello specifico.4

 

Qualche consiglio pratico:

  • Acquistate poco alla volta e scegliete capi di una taglia in più. Ma mai oltre, altrimenti si rischia di non riuscire ad utilizzarli.
  • Privilegiate qualità e composizione, meno le esigenze estetiche
  • Sono perfette le tutine che si aprono per tutta la lunghezza della gamba: non costringono a spogliare del tutto il bambino durante il cambio del pannolino
  • Magliette, body, camicini hanno bisogno di un'accortezza particolare: non vanno lavati con ammorbidenti o detersivi tradizionali.

La Valigia per l'ospedale

Cosa Occorre alla mamma

  • La cartella clinica ostetrica contenente tutti gli esami e le ecografie eseguite durante la gravidanza
  • Tessera sanitaria
  • Documento di riconoscimento valido e sua fotocopia
  • Camicie da notte aperte davanti, almeno 4/5 (si suda tanto con l’allattamento!)
  • Golfino/vestaglia per girare nel reparto in maniera un po’ più pudica… (meglio sempre se aperti davanti!)
  • Pantofole
  • Reggiseno per l’allattamento, almeno 3 (di solito la montata lattea non arriva immediatamente, quindi una taglia comoda che si porta nel pre-parto dovrebbe andar bene)
  • Coppette assorbilatte (da non usare in caso di ragadi!), una scatola
  • Pancera (ma in alcuni ospedali la sconsigliano: informatevi prima con l’ostetrica!)
  • Assorbenti post-parto (consigliati quelli in ovatta e garza)
  • Asciugamani
  • Panno carta per bidet
  • Garze sterili per bidet (soprattutto in caso di punti)
  • Detergente intimo (meglio se specifico per post parto o tintura madre di calendula)
  • Olio di mandorle per idratare il seno (non è tossico per il bebè; in alternativa salviettine allattasicura, che detergono ed idratano insieme) oppure Purelan100 (lanolina pura, non serve lavare il seno prima della poppata)
  • Spazzolino, dentifricio, bagnoschiuma, shampoo, deodorante, spazzola, elastici (soprattutto per il parto, ma si suda sempre tra temperatura alta del reparto ed allattamento!), burro di cacao (ci si disidrata molto)
  • Profumatore ambienti (spesso il bagno è cieco e da dividere con un’altra persona)
  • Catino per bidet
  • Bottiglietta per bidet
  • Salviettine o spray disinfettante per sanitari
  • Mutandine a rete usa e getta (almeno 6)
  • Fogli copriwater
  • Spugna per doccia
  • Accappatoio
  • Ciabattine plastica per doccia
  • Carta igienica
  • Posate e tazze
  • Salviette igieniche umidificate
  • Riviste (solitamente c’è un’edicola in ospedale: verificare!)
  • Succhi di frutta (spesso si trovano nei distributori automatici in ospedale: verificare!)
  • Acqua (spesso si trova nei distributori automatici in ospedale: verificare!)
  • Soldi spiccioli per i distributori automatici! (ove presenti)
  • Lucchetto di piccole dimensioni per l’armadietto
  • Cellulare con carica batteria
  • Macchina fotografica con caricabatteria
  • Telecamera con caricabatteria e cassettina di ricambio
  • Un bell’I-pod (od un vecchio walkman!), perché non sapete chi vi mettono in camera… e soprattutto i parenti!

Cosa occorre al neonato

 

Alcuni ospedali richiedono che l’occorrente per i neonati sia ordinato in singoli sacchetti con chiusura ermetica con una targhetta adesiva dove indicare nome e cognome del frugoletto: informatevi presso il vostro ospedale!

Quindi:

  • Tutine (o ghette e coprifasce, cioè magliettine aperte dietro), in cotone a manica lunga, almeno 4/5
  • Body (o maglietta intima, mutandine e calzini), in cotone, almeno 4/5
  • Babbucce
  • Camicino portafortuna
  • Bavaglini
  • Golfino/giacca/tutina piuma oca per le dimissioni, a seconda della stagione
  • Cappellino e sciarpina (quest’ultima in inverno ovviamente) per le dimissioni
  • Copertina cotone o lana per le dimissioni, a seconda della stagione
  • Ciucci
  • Lenzuolini
  • Pannolini
  • Accappatoio per neonato
  • Pettinino per capelli ad uso personale
MILAZZO BABY sas | 52, Discesa Giudici - 90133 Palermo (PA) - Italia | P.I. 03528400827 | Tel. +39 091 6169402 | Fax. +39 091 6169402 | milazzobaby1@virgilio.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy